Storia della camicia I – Raffinatezza ed eleganza nel Rinascimento

Comments (0) Curiosità

storia-della-camicia

La storia della camicia racconta questo intramontabile indumento di grande versatilità nelle sue variegate sfaccettature. Ricostruirne il percorso storico attraverso testimonianze scritte e fonti iconografiche, significa viaggiare tra costumi e tradizioni, per comprenderne forma e utilizzo in rapporto al contesto, ai ceti sociali, agli incontri tra popolazioni provenienti da diversi paesi d’Europa. Nei dodici secoli di storia del costume che vedono questo capo prevalentemente maschile protagonista, la camicia spicca tra i vestiti del Rinascimento, dapprima come indumento intimo da indossare durante il bagno che ha progressivamente assunto il rango di capo elegante da mettere in mostra, importante esempio di moda maschile.

Storia della camicia, indelebile esempio di moda maschile

Nel primo Rinascimento la camicia si fece corta e aderente a fianchi e busto, abbinata ad altrettanto aderenti calze-brache e coprendo solo lievemente le parti intime del corpo. Nella storia del costume rinascimentale, la camicia aveva anche un’importante funzione igienica: indossata sotto agli indumenti di tessuto pesante, assorbiva gli umori della pelle poco pulita. Ma quando il lusso diventa una forma d’ostentazione sociale da mettere in mostra attraverso l’abbigliamento, la camicia viene impreziosita nei materiali e nelle rifiniture. Nella prima metà del 1400, periodo di intensi scambi commerciali e incontri tra culture diverse, forme e stili della camicia si differenziano per la qualità dei tessuti e dei ricami delle maniche e dello scollo; dettagli di raffinata eleganza che traspaiono dalle aperture del saio sul petto e dai tagli sulle maniche.

Il colletto, l’evoluzione dei dettagli

vestiti-del-Rinascimento-colletto-gorgieraNella lunga storia della camicia, il colletto è protagonista, con le sue forme variegate, della seconda meta del Cinquecento: dalle piccole arricciature ai collettini piatti “a l’italienne”, al colletto “lattuga” da grandi cerimonie. Risale alla metà del XVI secolo la “gorgiera” in lino, simbolo della signorilità dell’epoca, nonchè accessorio tanto ambito da abbinare a camicie e vestiti del Rinascimento. Il colletto piatto e a punte squadrate arriva nel 1620, dando il là a modelli più semplici e pratici, adatti ai viaggi, alla vita di città e di campagna. E’ il fiorire dell’età barocca, che affronteremo nel prossimo post e di cui la collaretta e la parrucca rappresenteranno due importanti caratteristiche.

 

Quale valore ha secondo voi la camicia tra i vestiti del Rinascimento? Quanto ha influenzato la moda maschile, dettandone le caratteristiche o raccontando, attraverso la sua evoluzione estetica, l’incontro tra culture?

Fonte: La camicia. Storia, mito, moda di Riccardo Villarosa, Emanuela Angiuli,  Idea Libri, 1999

Camicie da uomo a partire da 34 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *