Abiti da sposo per l’uomo: quale scegliere?

Commenti (2) ABBIGLIAMENTO, Come mi vesto per, Style

abiti-da-sposo-uomo

Scegliere il modello giusto tra gli abiti da sposo non è difficile, ma spesso si commette l’errore di dare più importanza al vestito della sposa, forse per quell’atmosfera di romanticismo dal quale è avvolto. L’abito maschile è ugualmente importante e dovrebbe meritare le stesse attenzioni, la prima regola fondamentale è l’armonia con l’ambiente e con il tema scelto per le nozze.

Nel precedente articolo Come vestirsi per un matrimonio è stato anticipato che per orientarsi tra la varietà di abiti da sposo da uomo occorre tenere conto, prima di tutto, del luogo e dell’orario delle nozze. Vediamo in dettaglio quali abiti scegliere e qualche regola di buon gusto.

  • Se si tratta di un matrimonio civile ad esempio, non è richiesto un look troppo formale, si può ad esempio optare per l’uso di un abito non troppo impegnativo come un completo a due pezzi.

  • Quando invece il matrimonio è solenne, e si svolge entro il pomeriggio, la scelta giusta è il tight, il completo a tre pezzi con la tipica giacca dalle lunghe code, nero o grigio scuro, gilet chiaro e pantaloni gessati con pinces. L’eleganza british del tight pretende la camicia bianca con gemelli, la cravatta o il plastron di seta e, secondo la tradizione, guanti e cilindro, con l’obbligo dello stesso look per i testimoni e il padre di entrambi gli sposi.

Kamiceria Shop

  • Per sdrammatizzare il rigore dell’abbigliamento senza rinunciare all’eleganza, è perfetto un mezzo tight o un tre pezzi meno impegnativo: giacca a due bottoni senza code, pantaloni e gilet dello stesso tessuto. Un’opzione classica ma elegante e riutilizzabile, ideale in molte occasioni.
  • Se la cerimonia avviene di sera, con un’atmosfera elegante ma creativa, la scelta può estendersi non solo allo smoking in tutte le sue declinazioni, ma anche ad un completo in raso di seta o tessuto trattato effetto lucido.

abito-matrimonio-sposo

Ecco alcuni consigli fondamentali per andare a colpo sicuro nella scelta dell’abito da sposo:

  • La prima regola fondamentale è la vestibilità dell’abito. Deve essere perfetta, l’abito non deve fare difetti quando indossato.
  • Per quanto riguarda la giacca, è da evitare il modello doppiopetto, gli spacchi, i tessuti in lino e i completi spezzati. E i pantaloni non dovranno avere il risvolto.
  • La camicia con polsini alla francese per gemelli, potrà essere bianca o tono su tono se l’abito è grigio o blu. Sono sconsigliati i colli button-down con i bottoncini ed i tessuti sintetici o la seta per evitare imbarazzanti aloni di sudore.
  • Le scarpe e la cintura dovranno essere dello stesso colore e materiale. Una scelta classica è la scarpa nera stringata, modello Oxford, ma se il matrimonio è meno formale sono indicate anche le francesine, leggermente più sportive. Da evitare le fibbie o i mocassini, e particolare non meno importante le calze, dovranno essere esclusivamente di color grigio scuro, nero o blu.
  • Da evitare le cravatte in tinte vivaci, meglio se classica nei toni dell’argento o del blu, a tinta unita o motivi minuscoli.
  • Se invece si indossa un papillon o un lastron (la larga cravatta annodata o fermata da una spilla gioiello), dovranno essere esclusivamente in seta e annodati a mano.
  • Gli accessori non devono mai essere lasciati al caso, soprattutto i gemelli, simbolo dell’eleganza maschile e unici gioielli concessi allo sposo. Possono anche essere creati appositamente in sintonia con il tema della cerimonia. La pochette, rigorosamente in colore tenue, non andrà abbinata alla cravatta, e per i più romantici il fiore all’occhiello (o boutonnière), ovviamente fresco, magari coordinato al bouquet della sposa.
  • I colori da utilizzare: eleganza e buongusto devono essere le parole d’ordine il giorno delle nozze, da evitare quindi gli eccessi ed i colori forti, come il fiore all’occhiello di un colore sgargiante o una cravatta sopra le righe. L’abito meglio se scuro, grigio o blu notte, o nero con varianti verso alcuni toni di grigio scuro leggermente lucido.

Stai pensando al look per il tuo matrimonio?

Scrivici o commentaci, per raccontarci le tue scelte, i tuoi dubbi e le tue idee!

Kamiceria Shop

2 Risposte a Abiti da sposo per l’uomo: quale scegliere?

  1. Accurimbono ha detto:

    I matrimoni civili non sono affatto meno importanti e sentiti di quelli religiosi, anzi… per cui il primo suggerimento é alquanto fuori luogo e decisamente “poco elegante”.

    Per il resto post interessante e utile, come sempre.

    • Laura Kamiceria ha detto:

      Buongiorno Accurimbono, grazie per il tuo commento!
      È vero che ormai il matrimonio civile spesso ha la solennità della cerimonia in chiesa, con tanto di abito bianco e damigelle. In simili circostanze l’abbigliamento adatto per una cerimonia religiosa lo sarebbe altrettanto per il rito civile. In origine però non era così, e spesso il dress code odierno si basa su antiche tradizioni. Infatti il matrimonio civile in passato non era che una formalità amministrativa, sbrigata con indosso l’abbigliamento di tutti i giorni. I signori (sposo e ospiti) indossavano di solito l’abito scuro, sebbene d’estate fosse accettato anche un abito di colore più chiaro, l’abito formale era invece appannaggio dei matrimoni religiosi.
      Queste regole possono valere ancora oggi, senza nulla togliere all’importanza che sempre più ricopre oggi il matrimonio civile :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *